Ecco come evitare truffe che sono sempre più frequenti

Purtroppo oggi giorno attraverso la telefonia mobile, le piattaforme social e i vari siti internet sono sempre più frequenti truffe e attivazioni di abbonamenti e contratti telefonici non richiesti che comportano spese notevoli sulla propria bolletta e di cui spesso non ci accorgiamo o a cui non prestiamo attenzione. Come procedere per difendersi e risolvere questi problemi? Vediamo insieme nel dettaglio a cosa prestare attenzione e chi contattare.

 Abbonamenti e contratti non richiesti, le truffe a portata di un clic

Bisogna dire che queste truffe puntano soprattutto sulla pigrizia del consumatore, perché in un mondo così veloce in cui il telefono e la navigazione internet occupano la maggior parte del tempo di ogni individuo, sia per lavoro che per svago, è facile aprire link, scaricare e richiedere servizi senza accorgersene se non al momento di pagare la bolletta. Questi servizi infatti non richiedono l’inserimento della carta di credito ma si appoggiano direttamente ad applicazioni di pagamento come ad esempio MobilePay. Visto il grande uso che facciamo del telefono spesso si sorvola su qualche incongruenza ma è assolutamente necessario al contrario prestare maggiore attenzione e segnalare queste truffe sempre più numerose. Appena riscontrata l’anomalia è necessario controllare gli abbonamenti attivi sul proprio numero di telefono e in caso di servizi non richiesti bloccarli e disattivarli immediatamente; per poi richiedere il rimborso dei soldi alla propria compagnia telefonica a cui richiedere anche di bloccare in automatico qualunque servizio a pagamento non incluso nel contratto. Oltre ai servizi di questo genere, spesso capita anche di ritrovarsi l’attivazione indebita di un contratto telefonico non richiesto attivato inconsapevolmente tramite telefono o internet. In questo caso bisognerà contattare immediatamente chi di competenza, ovvero entrambe le compagnie, per ripristinare la situazione precedente. La realtà è che purtroppo siamo continuamente chiamati da operatori telefonici che cercano di spingerci una compagnia rispetto un’altra, e la cosa più grave è che queste pratiche spesso non rispondono ai principi di correttezza contrattuale, soprattutto nel caso di contratti a distanza e quindi senza la presenza fisica delle parti contraenti.

Attenzione alle chiamate degli operatori telefonici e agli acquisti online

Quando parliamo di un contratto telefonico non richiesto ci riferiamo a due casi specifici.

1) Il contratto e/o servizio telefonico è stato attivato senza alcuna sottoscrizione o registrazione, in maniera del tutto fraudolenta e all’insaputa dell’utente. Qui parliamo di una vera e propria truffa in cui l’utente non partecipa in alcun modo, quindi tale contratto è considerato nullo e bisognerà ricorrere alle autorità, anche perché nella maggior parte dei casi la compagnia tenterà di invalidare l’accaduto sottolineando la volontà del contratto.

2) L’utente è stato contattato da un operatore ma è stato sostanzialmente raggirato, in quanto gli viene prospettato un contratto che in realtà non esiste o che ha un costo e condizioni diverse. Precisiamo che un contratto telefonico non ha bisogno di alcuna forma scritta, è sufficiente aver acconsentito alla registrazione telefonica, ma proprio per questo, in caso di attivazione di un contratto non richiesto e contestato, è necessario che la compagnia fornisca una prova attendibile che dimostri la volontà o la “consapevolezza” dell’utente, in assenza della quale deve provvedere ad annullarlo e al rimborso immediato. Resta indispensabile essere informati e prestare maggiore attenzione quando si parla al telefono, si ricevono strani messaggi o si clicca qualche link sospetto e soprattutto, essere consapevoli di dare il consenso anche a semplici registrazioni o trattamento dati. Molto spesso infatti ci si trova a fare pagamenti o acquisti online anche inerenti servizi o pagamenti delle bollette, quando si effettuano tali procedure bisogna accertarsi di tutti i passaggi e leggere attentamente qualunque tipo di nota o avviso. Qualora non ci fosse stata alcun tipo di informazione da parte del sito/compagnia torniamo al caso della truffa a scapito dell’utente. Entrambe le situazioni sopra citate sono ovviamente più complesse da gestire in autonomia; qualora infatti non si riuscisse nell’intento, sarà necessario rivolgersi al Co.Re.Com della propria Regione presentando la richiesta di un incontro di conciliazione e di un intervento d’urgenza da parte dell’Autorità. Vista dunque la delicatezza della situazione, ma soprattutto la maestria dei truffatori nel raggirare gli utenti, bisogna muoversi con competenza, conoscenza delle diverse clausole contrattuali e dell’iter più veloce burocraticamente per risolvere il problema. BetterCallAlain si occupa proprio di questo, ovvero di effettuare una consulenza per capire la situazione e le esigenze del cliente e procedere al suo posto per raggiungere gli obiettivi e tutelare i diritti del consumatore truffato. Sono Alain Listanti, fondatore di BetterCallAlain, consulente e agente di telefonia specializzato nelle aziende e da 10 anni mi occupo di tutelare i diritti dei miei clienti contro i disservizi delle compagnie telefoniche. Per maggiori informazioni e per richiedere una consulenza senza impegno, potete contattarmi al numero 333.9608628 o inviandomi un email all’indirizzo bettercallalain@gmail.com; insieme è più facile!